Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina

Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina
10,00 € *

Prezzi incl. IVA più spese di spedizione

Pronto per la spedizione di oggi,
tempo di consegna ca. 1-3 giorni lavorativi

  • 9788887826739
Ziyad Clot Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina... altro
"Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina"

Ziyad Clot

Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina

L’autore è un giovane avvocato franco-palestinese, nato in Francia nel 1977. Nel 2007 decide direcarsi in Cisgiordania, per un eventuale lavoro all’Università di Birzeit come docente.
A Ramallah gli viene offerto un posto di consigliere giuridico nella NSU (unità di sostegno
per i negoziati) dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP); nel giugno 2008
partecipa, come consigliere di Saeb Erekat, ai negoziati di pace con Israele sul problema del
diritto al ritorno dei profughi. Visita anche Haifa, la città dalla quale la famiglia materna è stata
espulsa nel 1948 per visitare la casa che era stata dei suoi nonni, che da allora hanno vissuto in
Libano. Nel novembre 2008, dopo l’esperienza per lui sconvolgente, di negoziati ridotti a una
farsa, di cui il libro è una testimonianza, dà le dimissioni dall’incarico.
Il 23 gennaio 2011, al-Jazeera e il Guardian pubblicano i documenti che vanno ora sotto il
nome di Palestine Papers. Il 14 maggio sul Guardian, Ziyad Clot rivela di essere stato una delle
persone che li ha reso pubblici.
In totale si tratta di 1600 documenti, migliaia di pagine di rapporti diplomatici sulle trattative
tra israeliani e palestinesi, risalenti al periodo tra il 1999 e il 2010. Tra i più esplosivi sono
i rapporti che riguardano Gerusalemme e il diritto al ritorno dei profughi. Erekat offriva a
Israele ‘la più grande Gerusalemme della storia’, concedendo allo Stato israeliano l’annessione
definitiva di tutti gli insediamenti di Gerusalemme Est, tranne quello di Har Homa, in cambio
del riconoscimento dello Stato palestinese.
Ma anche questa offerta fu rifiutata. Addirittura Abbas si dichiara pronto ad “archiviare”
l’embargo che soffoca Gaza, pur di indebolire Hamas. Abbas, accetta inoltre di non sostenere
l’iter di approvazione, previsto dall’ONU, del Rapporto Goldstone che descrive i crimini di
guerra e i crimini contro l’umanità commessi dall’esercito israeliano nella Striscia di Gaza
durante l’operazione Piombo Fuso, senza ottenere nulla in cambio.

150 pagine

Link correlati a "Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina"
Leggere, scrivere e discutere recensioni... altro
Valutazione cliente per "Non ci sarà uno stato palestinese - Diario di un negoziatore in Palestina"
Scrivi una valutazione
Le valutazioni vengono attivate dopo la verifica.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Accetto i termini e le condizioni .

Visto